Il TG è (as)servito…

La storia si ripete, sempre nello stesso modo, sempre con la stessa boria e la stessa tracotanza. Sempre con la stessa violenza repressiva, sempre con lo stesso meschino livore, che, sempre, contraddistingue i piccoli, i mediocri, gli asserviti, che mai, con le loro (scarse) capacità avrebbero potuto raggiungere i posti di comando che occupano.

La nuova epurazione ha colpito facce note al grande pubblico televisivo del TG1: Tiziana Ferrario, Paolo Di Giannantonio e Piero Damosso. Non dei rivoluzionari, non degli eversivi marxisti, ma dei giornalisti a cui una gestione asservita e servile del servizio giornalistico pubblico fatta dal direttore Minzolini faceva forse schifo e non hanno voluto sottoscriverla.

Ma Minzolini è potente, si rafforza proporzionalmente a quanto si schiera e si prodiga primeggiando tra i lacchè del premier Berlusconi. Non si cura della bufera che gli è piovuta addosso dai fatti di Trani, non si vergogna del titolo di peggior direttore del TG1 che ha sistematicamente taciuto fatti veri e ha spacciato bugie per verità…

Ma Minzolini è potente, in questa piccola Italia, e può liberamente punire non solo i nemici di Berlusconi, ma anche i suoi, personali, quelli che non lo appoggiano, che non gli reggono il sacco, che non gli sono complici nella quotidiana pratica di assassinare i fatti, occultare le notizie, distruggere la democrazia. Ma Minzolini è figlio del suo mondo, in cui o si canta la messa alla corte del sovrano o si muore, in cui più si è indegni del comando, più si è scelti per comandare, in cui il valore più sacro è la mediocrità, la dote più ricercata, il servilismo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: